TAV “Alta Voracità” – Marco Travaglio


Scoperta sensazionale: la Rai ha un condice etico! – Marco Travaglio


Un turista inglese va in Italia e… – puntata 13 – Servizio Pubblico


Se la verde al Vaticano è venduta a 1,320 centisimi di euro

Nello Stato della Santa Sede, la verde che in Italia è arrivato a costare mediamente 1,731 centesimi di euro al litro, viene attualmente venduto a soli 1,320 centesimi. Una differenza di ben 40 centesimi al litro che consente ai fortunati 546 cittadini dello Stato Vaticano di ridurre notevolmente il costo di un pieno per l’automobile. I residenti, però, non sono i soli a beneficiare della riduzione dovuta al fatto che in Vaticano la benzina non è gravata dall’iva e dalle accise imposte negli anni dallo Stato italiano.

Ci sono anche 1800 dipendenti che, grazie a un pass, possono passare con le loro auto la sorveglianza delle guardie svizzere. I rialzi che hanno colpito i cittadini italiani negli ultimi mesi, però, sono stati accusati anche a Città del Vaticano, dove si è passati da un euro al litro dell’anno scorso all’1,270 dello scorso novembre agli 1,320 di oggi.


Lesa impunità

Avete presente la Procura di Roma? A parte pochi pm che non guardano in faccia nessuno, è la Procura che in questi anni è riuscita a far archiviare i reati di qualunque politico le capitasse a tiro. Soprattutto uno: B. Archiviato perché scarrozzava sugli aerei di Stato menestrelli e mignotte, nani e ballerine. Archiviato perché mobbizzava il marito della sua amante Virginia Sanjust. Archiviato perché raccomandava le papi girls a Raifiction. Archiviato perché comprava senatori dell’Unione. Archiviato perché minacciava il suo uomo all’Agcom per far chiudere Annozero. Archiviato sempre, a prescindere.

Leggi il seguito di questo post »


NAUFRAGIO CONCORDIA – La telefonata tra il comandante Schettino e la capitaneria di porto


Tre ordigni davanti la sede di Equitalia a corso Meridionale: distrutte saracinesche.

Tre ordigni sono scoppiati davanti ad altrettante porte della sede di Equitalia, al Corso Meridionale, a Napoli. Le esplosioni hanno provocato la rottura dei vetri e danni alle saracinesche. Nessun danno a persone. Dunque solo danni alle porte esterne per lo scoppio dei tre ordigni. Le deflagrazioni, che sono avvenute quasi in contemporanea, hanno rotto i vetri ed hanno causato danni alle saracinesche. Nel momento della deflagrazione, evidentemente, non c’erano passanti nelle immediate vicinanze, perchè non ci sono stati danni a persone.

Leggi il seguito di questo post »